Sezione Musicale - Note, integrazioni, commenti e contributi

Se desideri farmi pervenire un commento, una nota, un contributo integrativo  clicca qui 


Indice
Avvertenze
11/10/2013William Ghizzoni

In questa sezione raccoglierò eventuali mie note e integrazioni, e anche commenti e contributi di chiunque voglia farmene pervenire.
Quanto riceverò verrà pubblicato in questa pagina dopo un semplice controllo da parte mia, allo scopo di evitare eventuali contenuti inopportuni o offensivi.

Grazie

William

Se desideri aggiungere elementi a questo contributo  clicca qui 

Inizi tua storia musicale
13/01/2014Anselmo Ghizzoni

William, belli i tuoi ricordi.

Vorrei aggiungere alcune informazioni a quello che scrivi sugli inizi della tua storia musicale.

1. Il contagio del "bacillo musicale" in famiglia era anche più diffuso di quanto tu scriva, forse peccando di modestia. 

    Intanto, non erano campanari solo lo zio Angelo e il nonno Clemente, ma anche il nostro bisnonno Giovanni, a San Michele della Fossa.

  Poi hanno studiato musica - oltre a te e tua moglie - anche tuo fratello (cioè io, che mi sono quasi diplomato in violino e ho superato l'8° corso di viola); tua sorella, che ha studiato pianoforte per vari anni; tre dei tuoi nipoti (i miei figli), uno dei quali si è anche diplomato; e anche tua figlia (pianoforte) e tuo figlio (basso elettrico). Definirci una famiglia di musicisti, anche se non professionisti, non sarebbe poi così sbagliato.

2. Il tuo maestro Aurelio Barbieri ha suonato per molti anni anche come organista nella chiesa di San Pietro, a Reggio. E guarda caso, l'autore dell'articolo su di lui, Lanfranco Spaggiari, è stato il mio secondo insegnante di violino, dopo il M°. Ferraboschi (che compare accanto al sindaco Campioli nella foto in cui questo ti consegna un premio).

Tuo fratello Anselmo

 

 

   

 

 

Allegati: 
Se desideri aggiungere elementi a questo contributo  clicca qui 

Due bellissimi concerti: R. Sellani e A. Alberti
09/02/2014W. Ghizzoni

Negli ultimi giorni ho ascoltato due splendidi concerti. Uno di jazz, alla Salumeria della Musica: protagonista Renato Sellani, in trio con Massimo Moriconi e Gianluca Nanni (in sostituzione di Stefano Bagnoli, a letto con l'influenza).  L'altro di musica classica, del pianista Alfonso Alberti, nel Tempio dei Valdesi di Via Sforza (un luogo molto bello, e con un'ottima acustica).

All'amico Renato ho mandato su Facebook alcune righe di congratulazioni, ma non mi aspetto risposta: proprio l'altra sera mi ha detto che lui di Facebook non capisce niente ("quando ho sentito parlare di Internet credevo che fosse una squadra di calcio" - testuale...). 

Ho scritto, sempre su Facebook, anche ad Alfonso Alberti, e lui - con una cortesia davvero squisita - mi ha risposto, nel giro di qualche ora.

Due grandi musicisti e due bellissime persone

Allegati: 
Se desideri aggiungere elementi a questo contributo  clicca qui 

Una lettera da Jula De Palma
16/02/2014W.G.

Ieri ho mandato un messaggio a Jula De Palma, di cui sono "amico " su Facebook. Il mio messaggio era un saluto, contenete anche un cenno ad un concerto di Renato Sellani al quale ho assistito da poco (v. sopra). Jula, che vive con la famiglia a Toronto ormai da molti anni, mi ha risposto - sempre su Facebook - a stretto giro di posta. Il suo messaggio è così esteso che posso ben chiamarlo una lettera, come quelle che si scrivevano una volta. Una bella lettera, scritta con il cuore, in cui rievoca la sua amicizia con Renato e i primi contatti con il mondo del Jazz, agli inizi della sua carriera.

Non pubblico, ovviamente, la lettera, che è privata e destinata a me, ma pubblico l'indirizzo di un sito che avevo segnalato a Jula, e che lei ha sibito - e felicemente -ripubblicato su Facebook.

Allegati: Jazzitalia: Sellani con De Palma
Se desideri aggiungere elementi a questo contributo  clicca qui 

Concerto Enrico De Carli
21/02/2014W. Ghizzoni

 

"Caffé Doria. Concerto di Enrico De Carli and The Kansas City Four.

Una serata dedicata al jazz degli anni '30 e '40 da Count Basie, Benny Goodman a Duke Ellington, con Luigi Tognoli ts, Valerio Della Fonte cb,

Luca Colombo dr. Ospite il trombettista della famosa Milan College Jazz Society Giorgio Alberti. E anche ospite, con un paio di brani, una giovane

cantante siciliana, Federica Scianna."

Ci sono stato, insieme a Fulvia Serra con Alberto, ad Antonio Berini e Enrico Beneggi.  Serata simpatica e divertente, praticamente  fra amici.

Ho salutato affettuosamente Luigi Tognoli, che dice anche stavolta che questo sarà l'ultimo concerto (ma speriamo di no: a 82 anni è sempre

un diavoletto, quando suona), e mi regala un suo doppio CD, "Incontri". 

 

 

Allegati: Scarico iphone 21 febb.2014 011.jpg
Se desideri aggiungere elementi a questo contributo  clicca qui 

Mostra
03/03/2014W. Ghizzoni

L’evento degli ultimi giorni è stato l’inaugurazione di questa mostra, che ha l’intento di coniugare un percorso di arte figurativa (pittura) con un corrispondente percorso musicale.

Ci sono andato perché direttore artistico della mostra è Alfonso Alberti, che ne ha fatto anche la presentazione, martedì 25 febbraio. Non sono un patito di questi tipi di manifestazione, ma la cosa è stata interessante, e il presentatore è stato molto bravo. Ho fatto qualche foto, e qui ne allego due.

(Ne ho approfittato anche per dare al M° Alberti copia dello spartito di Pick Mangiagalli, come concordato)

Allegati: Scarico iphone 27 febb.2014 034.jpg,  Scarico iphone 27 febb.2014 033.jpg
Se desideri aggiungere elementi a questo contributo  clicca qui 
L'occhio musicale
03/03/2014W. Ghizzoni

Il nome della mostra di cui sopra è "L'occhio musicale" (non so perché ma mi era sfuggito)

Allegati: 


Concerti della settimana: S. Bagnoli + F. Ajmar
23/03/2014W. Ghizzoni

Anche questa settimana due concerti interessanti.

Il primo al Blué di Cernusco S.N. Un trio guidato da STEFANO BAGNOLI, che continuo a considerare – al di là del buon rapporto personale che a lui mi lega - in primissima linea fra i migliori batteristi italiani. Con lui c’era uno dei suoi “kids”, il sassofonista palermitano Francesco Patti, 19 anni, con un piglio sullo strumento degno di un veterano e incallito strumentista. Bravo. E bravo anche l’Hammond-organista  Gianluca Di Ienno: ne ho apprezzato l’abilità nel continuo “walking bass” con la mano sinistra, reso necessario dalla mancanza di basso nella formazione. Ovviamente poi la destra deve quasi fare il lavoro di due mani…Mi ha spiegato che questa “specializzazione” richiede anni di studio. Felice Clemente è stato tutta sera al nostro tavolo, con mia figlia e mia moglie, oltre a me.

Il secondo concerto sabato mattina 22 marzo, presso l’Istituto dei Ciechi. Un “concerto-aperitivo”, organizzato dalla locale Scuola Media per finanziare iniziative sociali. Mi ci aveva invitato l’amico Cesare Bonafous, che ha il figlio in quella scuola. Il concerto era di musica brasiliana, con il quartetto a nome di Francesca Ajmar, cantante, poi con Riccardo Bianchi alla chitarra, Tito Mangialajo al basso e Gilson Silveira alle percussioni.  Tutti bravi, davvero. Lei, pur se italiana, canta proprio da brasiliana, con il mood giusto e un’intonazione perfetta. Co-protagonista in scena è Silveira, l’unico vero brasiliano, che sa cavare suoni e ritmi da tutto quello che ha intorno e anche dentro (compresa sua bocca, con cui produce schiocchi assortiti). Sono tutti su Google e YouTube.

Cesare mi ha anche presentato Marco Massa: che era bravo già lo sapevo, adesso so che è anche molto simpatico.

Allegati: 
Se desideri aggiungere elementi a questo contributo  clicca qui 

17/12/2015

Non conosco la musica, ma l'ascolto sempre volentieri, purchè classica. Confermo ciò che dice il sig. Anselmo Ghizzoni sul fatto che il maestro Aurelio Barbieri ha suonato l'organo in San Pietro. Aggiungo che, oltre san Pietro amava suonare l'organo di san Prospero.  Una sola volta, ricordo,  mi ha concesso di salire con lui, lassù, sull'organo.  Ho un ricordo di quel giorno che porterò sempre con me. Il maestro Barbieri era mio Nonno. 

Allegati: 
Se desideri aggiungere elementi a questo contributo  clicca qui 
17/12/2015William Ghizzoni

Sono felice di ricevere dalla signora Rita Bonacini questo commento, inaspettato e commovente. Internet può davvero far avvenire miracoli. Mi permetterò di mandarle due righe privatamente per parlare ancora del mio grande maestro Aurelio Barbieri.

Allegati: